Rugby: una LUISS battagliera pareggia con l’Urbe Roma

  • 17/04/2015

30Prosegue la stagione per la squadra di rugby allenata da coach Giuliano D’Ambrosio, che si è trovata ieri sera ad affrontare, in un test match molto impegnativo all’Acqua Acetosa , la corazzata Urbe, squadra militante in C2 ed attualmente in prima posizione del suddetto campionato a solo una gara dal termine della stagione. La LUISS, decimata da assenze ed infortuni, schiera inizialmente Strippoli, Cialfi e Blanco in prima linea, Gallo e Piacentini in seconda, Silvestri e Fatone rispettivamente open e blind flanker ed infine Fiore a completare il pacchetto di mischia in posizione di numero 8; per i trequarti, Sciunzi e Bove compongono la mediana, con Allegro e Caggia a centri ed il triangolo allargato composto da Paolucci, Muccio e Buonocore. Comin parte dalla panchina.

Pronti-via è subito l’Urbe ad avere in mano il possesso del pallone, ma la LUISS si difende molto ordinatamente e non lascia spazio alle sortite offensive dei padroni di casa con ottimi placcaggi avanzanti che provocano diversi errori di ball-handling agli avversari. In seguito è proprio la formazione luissina ad ottenere il possesso del pallone e cerca di sfondare centralmente con l’incursione dei suoi avanti, ma nonostante gli sforzi e le varie fasi offensive anche dall’altra parte la difesa è ottima e dunque i primi 20 minuti portano ad un nulla di fatto. Partita molto dura sui punti d’incontro, con placcaggi ed impatti molto aggressivi da ambo le parti, ma sempre nei limiti della correttezza e del rispetto delle regole. Da segnalare la gran prova in fase difensiva di Silvestri e Strippoli, molto attivi nel rubare palla agli avversari, ed un’eccellente difesa generale, comandata da un sontuoso Fiore.

La svolta arriva da una mischia ordinata su introduzione del mediano Sciunzi nei 22 metri dell’Urbe: la palla esce fuori incontrollata , la raccoglie Bove che rompe un placcaggio e serve nel 2vs1 l’accorrente Allegro che è bravissimo a resistere al ritorno dei difensori e a schiacciare in meta il vantaggio LUISS (0-5) . Arriva dunque da una situazione casuale la meta della formazione universitaria, sicuramente fortunosa ma altrettanto meritata per il cuore e la difesa arrembante messa in campo nei primi 20 minuti.
Da questo momento , però, esce fuori l’Urbe con una reazione d’orgoglio che li porta a segnare 2 mete in pochi minuti, approfittando del cattivo riposizionamento della difesa della LUISS (5-10) .
I giocatori ospiti sono visibilmente in difficoltà, a corto d’ossigeno e senza idee: : un’azione nei 22 avversari sfuma a causa di un’incomprensione tra apertura e mischia. l’Urbe, invece , sembra aver ritrovato il suo gioco e riesce ad allargare bene il gioco sui trequarti.

Ecco allora che parte la girandola dei cambi, con Comin che subentra all’ala. Ed è proprio quest’ultimo con un paio di ottimi placcaggi e corse da situazioni di gioco rotto a ridare vitalità alla squadra , che da fondo alle ultime energie rimaste per cercare di contenere l’avanzata dell’Urbe. E gli sforzi vengono premiati a 5 minuti dal termine, quando Fiore raccoglie un pallone nella metà campo avversaria, rompe un placcaggio e si invola verso la linea di meta avversaria (10-10). È la meta del pareggio, risultato assolutamente sorprendente per la formazione ospite, non ancora perfettamente amalgamata e rodata a causa dei pochi impegni stagionali ma che sicuramente ha dimostrato di avere cuore ed attributi da grande squadra. Finisce così la partita, con un pareggio che da slancio alla formazione universitaria in vista dei prossimi impegni e che fa riflettere sulle potenzialità di una rosa composta in gran parte da matricole e ragazzi che quest’anno, per la prima volta, hanno iniziato a praticare questo meraviglioso sport.

Raffaele Bove