Calcio Promozione, Federico Persiani: “Sono emozioni che non si vivono tutti i giorni”

  • 09/12/2017

Federico Persiani, studente triennale al secondo anno di Economia e Management, dopo aver giocato in squadre romane di tutto rispetto, quali Romulea e Savio, è approdato alla corte di mister Rambaudi, e lo scorso anno è stato una delle pedine fondamentali per la vittoria della Coppa Lazio. Quest’oggi insieme a lui abbiamo voluto rivivere le emozioni di quella giornata:

Sappiamo che sei di Roma, e qui sono presenti molteplici squadre, come mai hai deciso di giocare per la AS LUISS?

“La scelta di far parte della AS LUISS nasce principalmente dall’idea di conciliare al meglio lo studio e lo sport mantenendo un livello alto in entrambi gli ambiti. Ho notato fin da subito infatti che la LUISS Calcio mi garantiva di non avere impedimenti eccessivi con lo studio e di giocare da protagonista in una categoria di medio-alto livello facendo parte di un bellissimo progetto sportivo a lungo termine. Dopo aver iniziato il secondo anno alla LUISS posso dire di aver fatto la scelta giusta, togliendomi grandi soddisfazioni sia nello studio che nello sport.”

Lo scorso anno hai avuto un ruolo da protagonista nella vittoria della Coppa Lazio, quali emozioni hai provato nel momento della vittoria?

“La vittoria della Coppa Lazio è stato il coronamento di un anno splendido per me dal punto di vista sportivo. Fin dall’inizio mi sono integrato al meglio nella squadra e i meriti vanno in primis al mister Roberto Rambaudi che mi ha ritagliato un ruolo capace di far rendere al meglio le mie potenzialità. Per quanto riguarda la Coppa Lazio, chi segue il calcio dilettantistico sa benissimo che è una competizione molto ostica, in particolare perché le squadre partecipanti sono le migliori della categoria e si gioca spesso fin dall’inizio in partite ad eliminazione diretta. La vittoria inoltre ci ha permesso di salire in Promozione, categoria mai raggiunta dalla LUISS Calcio, ed ha avuto anche per questo un sapore speciale. Ricordo ancora la finale come un giorno dalle mille emozioni, che non si vivono tutti i giorni in un campo da gioco. Certo è stata una partita molto difficile dal punto di vista emotivo, ma grazie anche alla preparazione che avevamo affrontato dal punto di vista fisico e mentale siamo riusciti ad avere la meglio, è stata una vittoria molto importante per il progetto LUISS Calcio e per quanto mi riguarda il successo più bello ed emozionante della mia carriera.”

Secondo te, quanto ha influito la vittoria della Coppa Lazio nella coesione del gruppo?

“Tale vittoria ha dato euforia e compattezza al gruppo aumentando l’appartenenza verso la maglia. Siamo infatti un gruppo molto unito e affiatato sia dentro che fuori dal campo, e per noi questo è un punto di forza non indifferente, che ci aiuta ogni domenica. Inoltre i nuovi arrivati si sono integrati al meglio, entrando subito nella mentalità dello scorso anno e aumentando la qualità della squadra.”