I nuovi Top Athletes in coro: “Che onore far parte dell’AS Luiss”

  • 30/09/2020

Il roster dei nostri studenti-atleti quest’anno si è arricchito molto. Oltre al già intervistato Gigi Datome, sono tanti, infatti, gli sportivi di successo che hanno scelto di sposare il Luiss Sport Program. Carichi per la sfida che li attende, i neo Top Athletes ci hanno raccontato come stanno vivendo l’inizio del loro percorso di Dual Career. Conosciamo, quindi, meglio alcuni dei nuovi volti della grande famiglia dell’AS Luiss.

Brunella Aria

Aria 1

Reduce da un argento agli Europei disputati in Polonia a febbraio, Brunella Aria è una delle giovani promesse del Tiro a Segno azzurro. Da poco si è trasferita a Roma per seguire il corso di Economia e Management in Luiss e si dice entusiasta della scelta: “Sono contentissima di poter conciliare la formazione e lo sport. So che sarà complicato, ma mi impegnerò a fondo per farcela. Sto studiando Diritto Privato e mi sta piacendo molto”. Tra la postazione di tiro le aule universitarie ritrova delle analogie: “La concentrazione è un fattore cruciale nella mia disciplina e credo che mi aiuterà molto nella preparazione degli esami”. L’ingresso nell’AS Luiss la rende particolarmente orgogliosa: “È davvero un grande onore far parte di un progetto che include tanti atleti importanti”. Con una carica del genere, siamo sicuri che andrà a segno anche nella Dual Career.

Manfredi Albanese Ginammi

08BE60E5-7D65-4B5B-B6DA-22C04C23C074

Un doppio nuovo inizio attende, invece, Manfredi Albanese Ginammi. Il Top Athlete, infatti, è recentemente passato dalla Lazio al Rugby Calvisano: “Il 31 ottobre ricomincia la stagione, sarà un anno di cambiamento per me”. Un cambiamento importante, visto che la nuova squadra è campione in carica e punta a confermarsi. Proprio come la Nazionale Under 20, fermata sul più bello durante un 6 Nazioni che stava regalando soddisfazioni a Manfredi e compagni. Tra le sue qualità principali cita “la disciplina e la capacità di raggiungere gli obiettivi”, doti che sicuramente torneranno utili per la Dual Career. Un percorso che si appresta a vivere con “tanta emozione, perché si tratta di una grande opportunità: sono parte di un’Università di livello internazionale e di un gruppo di atleti di rango altissimo”. Un approccio propositivo e determinato, confermato da una frase inequivocabile: “Ho tanta voglia di dimostrare le mie qualità, nello sport e nello studio”.

Riccardo Marca 

BN19_fs_I988_0385

Gli fa eco Riccardo Marca, già campione italiano di Windsurf: “Essere insieme a questi sportivi è un’emozione fantastica”. Iscrittosi al corso di Economics & Business, Riccardo non è affatto spaventato dal doppio impegno: “La Dual Career rappresenta un arricchimento umano che può darmi delle carte in più in prospettiva futura”. Il suo segreto, in acqua come sui libri, sono le motivazioni: “Lo sport mi ha insegnato l’importanza della determinazione e io la metto in ogni cosa che faccio”. Obiettivi per il futuro? “Laurea e podio mondiale”. Con una carica così, siamo sicuri che solcherà le onde della Dual Career com’è abituato a fare nelle gare di windsurf.

Vincenzo Abbagnale 

70388865_162551925110366_8824928705825215684_n

Vincenzo Abbagnale è figlio e nipote d’arte: suo padre e suo zio sono, infatti, la coppia più nota della storia del canottaggio italiano. Ora, però, per il tre volte Campione del Mondo è il momento di unirsi a una seconda famiglia di campioni, quella dell’AS Luiss: “Ne sono onorato, ho tanta voglia di affrontare questo nuovo percorso”. Una scelta, la sua, fondata su una profonda convinzione: “Per la Luiss ho rifiutato alcune Università americane. È uno dei migliori atenei italiani e mi ha affascinato il modo in cui lo sport è considerato come un elemento in grado di far crescere gli studenti”. Studierà Marketing ed è già pronto a impegnarsi molto: “Sarà difficile, ma sono consapevole che i miei sacrifici verranno ripagati in futuro”. Ne siamo convinti anche noi, Vincenzo. Buon sangue non mente.

Giuseppe Panagia 

C62ECADC-274E-400F-88CD-F4EECABE5809_1_201_a

Stessa carica per il karateka e studente di Gestione e Impresa Giuseppe Panagia: “Comincia una nuova sfida e sono davvero molto determinato”. La Dual Career è un impegno ostico, ma per un lottatore come lui questo non rappresenta un problema: “Affronterò gli esami con dedizione, lo sport mi aiuta molto nell’organizzazione e nella programmazione”. Una determinazione a cui si lega una forte emozione: “Sono felicissimo di essere entrato in una comunità di sportivi del genere, è davvero un onore far parte dell’AS Luiss”. Adesso, però, l’obiettivo del due volte campione europeo Under 21 è soprattutto uno: “A febbraio ci saranno le qualificazioni olimpiche a Lisbona e ho una voglia enorme di tornare a gareggiare”. Non possiamo che fare un grande in bocca al lupo al nostro nuovo Top Athelte!

Samuele Ricci

WhatsApp Image 2020-09-24 at 18.17.15

Samuele Ricci è uno dei prospetti più interessanti del calcio italiano. Due anni fa è stato protagonista della cavalcata europea dell’Italia Under 17, fermatasi solo in finale contro i Paesi Bassi. Pisano cresciuto nell’Empoli, secondo alcuni giornali sportivi potrebbe lasciare la squadra toscana per approdare al Milan. Se il suo futuro calcistico è in bilico, quello universitario non lo è affatto, Samuele ha scelto la Luiss e ne va fiero: “Sono contentissimo, è un Ateneo prestigioso che garantisce un’ottima organizzazione e prospettive importanti”. Anche lui studierà Economia e Management ed è pronto a sfruttare “la capacità di gestire gli impegni con serietà e autonomia”. Non fatichiamo a credere che un centrocampista dai piedi buoni come lui saprà dribblare un esame dopo l’altro.

Giorgio Marciano 

Marciano 6

Tra i suoi colleghi ci sarà anche uno dei più giovani Top Athletes presenti in rosa: il classe 2002 Giorgio Marciano. Nonostante la giovanissima età, lo schermidore ha le idee molto chiare: “Ho scelto la Facoltà di Economia e Management perché penso che possa darmi molte possibilità in futuro”. Un percorso per il quale è pronto a mettere in campo gli insegnamenti appresi durante anni di sfide in pedana: “Porterò nello studio resilienza, costanza e capacità di ottimizzazione”. Giorgio ha già medaglie importanti alle spalle (un argento mondiale e un bronzo europeo Under 17), ma si dice “orgoglioso di essere parte dell’AS Luiss” e sottolinea la speranza di “contribuire a dare lustro all’Università”. Mentalità da vero campione.

A tutti loro facciamo un enorme in bocca al lupo, augurandogli che la carriera accademica sia piena di soddisfazioni, così come quella sportiva.